L’età delle piattaforme nella società del rischio

piattaforme

Il saggio I “poteri privati” delle piattaforme e le nuove frontiere della privacy (ed. Giappichelli), curato dal presidente dell’Authority di settore, Pasquale Stanzione, tematizza molto bene il delicato rapporto che oggi sussiste tra evoluzione del diritto e sviluppo tecnologico. “Età delle piattaforme” è la definizione utilizzata dagli studiosi per descrivere il contesto entro il quale siamo ormai tutti immersi. Il potere di controllo e di indirizzo, che i “padroni” della Rete hanno acquisito, giustificano questa etichetta, che descrive molto bene i nuovi equilibri economici che si stanno facendo strada. I contributi che compongono lo studio, firmati dai massimi esperti del settore, abbracciano una pluralità di versanti: i dati come beni giuridici, le dinamiche del consenso sul trattamento delle informazioni nella dimensione europea, il delicato fenomeno della “monetizzazione” della privacy che si sta verificando in diversi paesi, il nuovo modello giuseconomico che sta emergendo in seguito alla proliferazione dei network, la giurisprudenza applicata a Facebook, il binomio piattaforme e visibilità del potere.

“Età delle piattaforme” è la definizione degli studiosi per descrivere il contesto entro il quale siamo immersi

Da uno sguardo sinottico emerge in maniera netta come la protezione delle informazioni è ormai divenuta un fattore determinante che travalica lo stretto àmbito dei tecnicismi chiamando in causa gli equilibri geopolitici. «Paesi come la Cina – commenta il Garante – stanno facendo coincidere spazio fisico e virtuale, confini territoriali e risorse informative, imponendo un regime vessatorio fatto di censure e controlli che cozza con il Dna stesso della Rete, nata come presidio della libera circolazione delle idee». Per converso, va anche detto come, in realtà, negli Usa si discuta di declinare in forme nuove l’idea di sovranità digitale, a dimostrazione di quanto stretto sia ormai il rapporto tra ICT ed equilibri democratici. Il processo di “datificazione” della vita collettiva sta ridisegnando, infatti, gli assetti di potere e le strategie di gestione del consenso.

Rule of low e rule of technology

L’Ue sta tentando di trovare una linea strategica coerente per non rimanere spiazzata dalle trasformazioni in atto. La spinta riformatrice, che da più parti si sta facendo sentire, dovrà contemperare rule of low e rule of technology. Attorno a questo complesso binomio, che chiama in causa i fondamenti del diritto positivo, ruota lo strumento regolatorio dell’Artificial Intelligence Act che ha introdotto alcune misure finalizzate ad un uso corretto dell’Intelligenza Artificiale. Rimodulare il perimetro del tecnicamente possibile, sulla base di ciò che si ritiene giuridicamente accettabile, è il nuovo imperativo categorico che governi, Istituzioni e imprese dovranno tenere ben presente. Non si tratta – come si può evincere dalla molteplicità delle posizioni espresse dagli autori di questo lavoro – della “fredda rivalsa” di alcuni cultori del diritto, ma più semplicemente della ricerca di una reale sostenibilità etico-giuridica che riguarda gli assetti futuri della “super società”. Per governare il cambiamento, regolare la convivenza nell’orizzonte mutante dell’Infosfera, servirà uno sforzo politico-istituzionale senza precedenti, che darà l’occasione all’opinione pubblica italiana ed europea di valutare la qualità delle classi dirigenti, messe a dura prova dalle crisi ricorrenti che stanno segnando la nostra epoca.      

Rimodulare il perimetro del tecnicamente possibile sulla base di ciò che si ritiene giuridicamente accettabile

Il Digital Services Act e il Digital Markets Act sono gli istituti preposti a una regolazione del potere privato delle piattaforme. Risulterà necessario, nello scenario che si sta aprendo, rafforzare una tutela ad ampio spettro degli utenti, che va attuata insieme a un controllo puntuale dei flussi informativi che si muovono nel circuito crossmediale, sempre più esposti a un processo di sfruttamento e di monetizzazione – risvolto più inquietante legato allo sviluppo dell’Information Society.

Algoritmo d’oro”, la definizione del Presidente emerito della Corte Costituzionale, Giovanni Maria Flick (cfr. CST. n. 2 2022), appare calzante. L’immagine biblica del “vitello d’oro” torna prepotente, mentre si profilano gli utenti, si scava nelle loro abitudini per indurre bisogni fittizi da sfruttare commercialmente. Lo “spionaggio” sotto traccia non ha limiti, si estende fino a ricomprendere lo stato di salute degli individui allo scopo di colpire le vulnerabilità e di speculare sulla fragilità dei soggetti. «Lo stiamo vedendo – spiega Flick – in quello che sta avvenendo con la guerra in Ucraina, e lo abbiamo visto prima con la pandemia. Una “babele di voci” non sempre competenti e realmente interessate a scandagliare i fatti con la massima obiettività possibile si rincorrono, con il risultato che le lingue si confondono e confluiscono in un “linguaggio unico” (tra uomo e uomo, tra uomo e macchina, tra macchina e macchina) come quello della piana di Ur dove si iniziò a costruire la Torre di Babele. L’interesse che muove tutto è duplice, ed è facilmente individuabile: potere e profitto».

Fake news e narrazioni fuorvianti stanno riportando l’orologio della storia molto indietro nel tempo

Sul pendio molto pericoloso di uno sfruttamento indebito del nostro “corpo elettronico”, paventato da Flick, rischia di scivolare l’Europa tutta, come «comunità patria del diritto occidentale». Esiste il rischio – denuncia Stanzione – di una rifeudalizzazione dei rapporti sociali, generata da una discriminazione, neanche tanto sottile, attuata sulla base di informazioni illecitamente acquisite. Fake news e narrazioni fuorvianti e spesso ideologizzate che ci allontanano dalla realtà stanno, così, riportando l’orologio della storia molto indietro nel tempo, facendoci respirare atmosfere che speravamo fossero definitivamente superate.

Le conseguenze politiche di questo articolato e contraddittorio complesso quadro evolutivo non sono di poco conto. Il lavoro su piattaforma, dando vita alla Gig economy, sta infatti creando i presupposti per un nuovo “caporalato”, che prospetta il rischio di un’involuzione sociale che investe la qualità stessa della democrazia. Una governancecorretta del digitale consentirebbe di scongiurare le azioni di targeting politico, funzionali a condizionare il consenso, fino a pregiudicare l’esito delle competizioni elettorali. «La potenza di calcolo, di cui oggi disponiamo, ha una capacità di “colonizzare il pensiero” incidendo sulla libertà individuale e sui diritti fondamentali», l’allarme espresso dall’ex Presidente della Camera, Luciano Violante, tocca il punto cruciale di una partita impegnativa. Il capitalismo delle piattaforme non è solo un capitalismo cognitivo, perché si traduce in un “capitalismo delle affezioni” (la definizione è di Eric Sadin), in grado di influenzare scelte e comportamenti.

Habeas mentem e psicopolitica

Il filosofo Aldo Masullo ha introdotto la categoria della “psicopolitica”, siamo un passo oltre la “biopolitica” teorizzata da Foucault. Non si tratta di disquisizioni dotte, l’uso di sofisticati algoritmi e dell’IA nelle forme più avanzate ci mette in possesso di una facoltà di governo della mente, con conseguenze inquietanti. Stiamo acquisendo la possibilità di condizionamento delle regioni più remote della volontà individuale, che non possono lasciarci indifferenti. Il documento stilato dal G7 dei Garanti europei – lo scorso sette e otto settembre, sotto la presidenza del Commissario federale tedesco che sollecita la definizione di un “modello etico” per l’uso dell’intelligenza artificiale – dimostra quanto urgente sia intervenire per disciplinare un àmbito di ricerca, al confine tra psicologia, scienze cognitive, neuroscienze, e Intelligenza Artificiale.  

In conclusione, sarebbe auspicabile che l’ampio e appassionante perimetro argomentativo affrontato da questa pubblicazione divenisse la base di riferimento per la messa in campo di un progetto politico di ampio respiro finalizzato a una governance, responsabile ed eticamente orientata, dell’innovazione su scala globale. Ha probabilmente ragione Guido Scorza, tra i massimi esperti di diritto dell’informatica e delle nuove tecnologie che su queste colonne ci ha già messo in guardia: «In un contesto in cui il pensiero diventa accessibile a prescindere da ogni sua manifestazione, divenendo potenzialmente hackerabile, anche i nostri sistemi giuridici andranno “aumentati” per renderli capaci di governare fenomeni che si arricchiranno di nuove dimensioni. L’habeas mentem è in questa dinamica la nuova dimensione del diritto all’autodeterminazione dell’individuo, che va garantita e protetta contro ogni tentativo di limitazione e compressione».
Come si vede, siamo appena all’inizio, il lavoro di comprensione della rivoluzione tecnologica in atto richiederà ancora molto tempo, oltre all’impegno delle migliori intelligenze che si muovono sul Pianeta. 

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione