Da aging society a longevity society: un approccio multigenerazionale

longevity society

I cambiamenti demografici rappresentano una sfida significativa per l’Europa, influenzandone profondamente la competitività e incidendo sulla vita dei singoli e della collettività. Il mondo accademico ha elaborato negli ultimi anni il concetto di longevity society: una società verso cui l’umanità vede una longevità notevolmente prolungata rispetto alle medie anagrafiche precedenti, con impatti sociali, economici, sanitari e culturali. L’allungamento delle aspettative di vita offre opportunità di adattamento e crescita, ma pone anche sfide come la contrazione del numero di persone in età lavorativa, e il concomitante aumento dei bisogni (ad esempio sanitari). Tendenze che possono mettere alla prova i bilanci pubblici, minando la coesione tra regioni e paesi europei, di fatto mutando quel rapporto (positivo) tra salute e indicatori economici. Viene allora da chiedersi quali modelli di sviluppo potrebbero essere adottati per agire in ottica proattiva su una criticità che investe globalmente le nostre società.

L’allungamento delle aspettative di vita offre opportunità di adattamento e crescita, ma pone anche numerose sfide 

Un tema particolarmente sentito nel nostro Paese, con particolare riferimento alla sostenibilità del sistema pensionistico, e sul quale l’Europa sta gettando le basi per un nuovo approccio alla crescita. Come evidenziato anche dal recente report della Commissione sul cambiamento demografico, occorre un metodo olistico che consenta a tutte le generazioni di soddisfare le proprie aspirazioni. Gli assi verticali su cui elaborare tali policies vertono sulla conciliazione della vita privata e lavorativa, sul supporto alle generazioni più giovani per alloggi a prezzi accessibili e per l’ingresso nel mercato del lavoro, sul sostegno alle fasce più anziane garantendo un’assistenza continuativa adeguata. Per quanto riguarda ad esempio l’asse di intervento dato dal sostegno alla genitorialità, sarà fondamentale favorire le condizioni per ampliare il nucleo familiare in modo da aumentare il tasso di natalità e ridurre l’invecchiamento della popolazione. Inoltre, le relative politiche dovrebbero consentire di conciliare la sfera lavorativa con quella privata, con investimenti pubblici nei servizi di assistenza all’infanzia. 

Una longevity society richiede una visione multigenerazionale e strategie mirate per sostenere tutte le fasce della popolazione

Passando alle nuove generazioni, il supporto deve iniziare fin dalla nascita, garantendo l’accesso a un’istruzione di qualità e alla formazione professionale, per poi proseguire creando opportunità di lavoro e standard di vita accessibili per i giovani europei. Ulteriore tema è quello dell’attrattività di ciascun Sistema-Paese. L’invecchiamento della popolazione e la carenza di manodopera sono due fattori che, da un punto di vista prettamente economico, potrebbero essere mitigati attraverso flussi migratori gestiti che rafforzino e supportino lo sviluppo del nostro Paese. In conclusione, passare da una aging society a una longevity society richiede una visione multigenerazionale e strategie mirate per sostenere tutte le fasce della popolazione. Essere in grado di sfruttare i vantaggi dell’allungamento delle aspettative di vita nell’ottica di una società sostenibile deve essere un impegno condiviso tra cittadini, civil servant e policy makers.

Leggi anche

*Founder e Managing Director di Futuritaly, strategic advisor con lunga esperienza nel mondo pubblico e industriale.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento