Natalità come ricchezza da coltivare nel progetto Demografica di Andkronos

natalità

La natalità, il crescente e inarrestabile calo demografico, un welfare insufficiente e poco mirato ai bisogni reali della popolazione, la scarsa attenzione alle politiche dell’occupazione femminile e della conciliazione tra vita professionale e famiglia. Tutti questi temi, che si intersecano e incidono in modo preoccupante sulla tenuta sociale del Paese, sono stati al centro dell’evento dal titolo “Lavoro e welfare a misura di famiglia”, nel contesto del progetto Demografica dall’Adnkronos, svoltosi oggi presso il Palazzo dell’Informazione a Roma. «Natalità e lavoro sono due temi fondamentali per qualsiasi Paese e lo sono ancora di più per l’Italia, fanalino di coda in Europa per le nascite e per l’occupazione femminile – ha sottolineato Davide Desario, Direttore dell’Agenzia Adnkronos, introducendo i lavori – È necessario invertire la tendenza e va detto che la parte del leone deve essere fatta dalle istituzioni. È necessario cambiare la prospettiva sull’idea di natalità e famiglia, non come un peso ma come una grande ricchezza».   

L’Italia è fanalino di coda in Europa per natalità e per occupazione femminile

Secondo i dati forniti da Eurispes, che ha preso parte all’incontro, la spesa pubblica per famiglia e figli si attestava all’1,1% del Pil nel 2019, arrivando nel 2020 ad una quota tra l’1,2 e l’1,3% del Pil. Numeri che ci pongono al secondo posto tra i paesi con la spesa minore, insieme all’Irlanda. «Siamo un Paese dove si parla tanto di famiglia e della sua importanza, ma in realtà la famiglia non è mai stata al centro dell’attenzione delle classi dirigenti» ha sottolineato Alberto Mattiacci, presidente comitato scientifico Eurispes. E ha aggiunto: «Il tema della demografia scorre su un sentiment che nel nostro Paese oggi prevale su tutto, ovvero la paura del futuro e il senso di allarme per le giovani generazioni». Secondo quanto affermato da Alberto Mattiacci, «serve una risposta dello Stato, una risposta personale anche con l’educazione finanziaria che è centrale e la risposta del mondo del lavoro con lattività delle aziende».  

Il sentiment prevalente oggi è la paura del futuro e il senso di allarme per le giovani generazioni

E proprio dal mondo del lavoro arrivano segnali preoccupanti. Secondo un’indagine condotta da Eurispes, solo il 49,6% dei lavoratori pensa che il proprio lavoro consenta di fare progetti per il futuro e garantire sicurezza alla propria famiglia. Fare figli, dunque, significa per molti fare grosse rinunce di tipo economico e nelle difficoltà la famiglia d’origine funziona da ammortizzatore sociale. «Da anni ormai non si sta facendo abbastanza per mettere il lavoro al centro dell’agenda economica del Paese» ha affermato Susanna Camusso, senatrice PD. «Nella nuova legge di bilancio ci sono poche risposte ai bisogni delle lavoratrici madri. È necessario incentivare politiche di contrattazione della flessibilità per contrastare il sempre più diffuso fenomeno delle dimissioni volontarie da parte delle donne. Costruire un ambiente di lavoro favorevole non richiede straordinarie risorse ma scelte precise e mirate» ha aggiunto la senatrice.  

Dati Eurispes, solo il 49,6% dei lavoratori pensa che il proprio lavoro consenta di fare progetti per il futuro

Sulla rinuncia a “fare famiglia” incide anche la capacità di risparmiare e investire, sul piano assicurativo e finanziario. Proprio per questo l’educazione finanziaria è un tassello importante nel quadro delle politiche per la famiglia, apportando un valore aggiunto di libertà e autodeterminazione che viene ben recepito soprattutto dalle donne. Ulteriore tassello per definire una prospettiva futura di intervento è sicuramente il tema del welfare aziendale, leva fondamentale per migliorare il benessere dei lavoratori e delle lavoratrici e supportare le politiche per la famiglia. Ne hanno discusso Paola Ansuini, direttore della comunicazione tutela clientela e educazione finanziaria Banca d’Italia e Claudia Ghinfanti, head of marketing & communication di Alleanza Assicurazioni – Gruppo Generali. «Il welfare aziendale ha un ruolo fondamentale; pubblico e privato devono camminare insieme, integrandosi a vicenda, anche se c’è ancora un problema di consapevolezza del valore del welfare e delle sue potenzialità. È importante affinare una cultura manageriale che ponga maggiore attenzione al valore del welfare aziendale e al benessere sui luoghi di lavoro» ha ribadito Laura Bernini, Responsabile welfare Direzione Centrale Politiche del Lavoro della Confcommercio.

La natalità va favorita da welfare aziendale, politiche per le donne lavoratrici e cambio di prospettiva 

Il welfare aziendale è una leva fondamentale per integrare le politiche pubbliche, grazie agli strumenti disponibili: dalle agevolazioni fiscali alle nuove norme per i fringe benefit, passando per una migliore conciliazione vita/lavoro. A parlarne anche Lorenza Cipollina head of communication & government affairs Italy Mondelez International, Antonio Fazzari general manager Fater, Alberto Rivolta ceo Prénatal & country manager PRG Retail Group, Fabrizio Ruggiero ad Edenred, Paola Trotta head of corporate communications and public affairs Valore D.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento