Nutrirsi di insetti, l’alimentazione del futuro?

insetti

Nell’ultimo decennio il dibattito sull’uso degli insetti per scopi alimentari si è imposto in Europa e in Italia. E se all’inizio di quest’anno l’Unione europea ha approvato la commercializzazione di una particolare farina di insetti, in Italia sono molte le cautele a riguardo. Il Ministro dell’Agricoltura Lollobrigida, in risposta all’apertura dell’Ue all’uso alimentare degli insetti, ha varato una serie di decreti per garantire ai consumatori conoscenza del prodotto e trasparenza. Ovvero, prodotti  esposti con etichettature specifiche e separati dalle altre farine comuni, per quella che più volte è stata definita una difesa dei nostri costumi alimentari e del Made in Italy. Ma quella che può apparire a molti come una moda passeggera, potrebbe invece prendere piede in futuro? Alcuni infatti credono che questa possa essere la risposta alla crisi alimentare globale. La Fao da diversi anni insiste e avverte sull’esaurimento delle risorse alimentari e ricorda che, entro il 2050, la popolazione mondiale raggiungerà i 9 miliardi di persone e che per far fronte a questi numeri, sarebbe necessario raddoppiare l’attuale produzione alimentare. Con le risorse a disposizione oggi, insomma, non saremo in grado di sfamare la popolazione del futuro.

Nel loro ciclo vitale gli insetti emettono minori quantità di gas serra

Perché gli insetti? Per molte popolazioni gli insetti rappresentano circa il 50% dell’apporto proteico e occorre sottolineare che in alcuni paesi asiatici, africani e dell’America Latina l’entomofagia è una normale componente della cultura alimentare. La Fao ha individuato 1.900 specie utilizzate tradizionalmente come cibo, tra le quali le più consumate sono: coleotteri (31%); lepidotteri (bruchi, 18%); imenotteri (api, vespe e formiche, 14%); ortotteri (cavallette, locuste e grilli, 13%); emitteri (cicale, cicaline, cocciniglie e cimici, 10%), termiti (3%), libellule (3%) e mosche (2%). La maggior parte degli insetti consumati oggi viene raccolta direttamente in natura, quello che invece propone la Fao è la creazione di allevamenti di insetti su larga scala destinati all’alimentazione umana e ai mangimi animali che vadano a sostituire, o comunque ridurre, l’impatto degli allevamenti zootecnici. L’alimentazione a base di insetti potrebbe avere degli effetti anche sul fronte della sostenibilità. Nel loro ciclo vitale gli insetti emettono minori quantità di gas serra rispetto agli allevamenti di animali, il loro allevamento non richiede grandi appezzamenti di terreni né lo sfruttamento eccessivo del suolo.

Nutrirsi di insetti, barriere culturali e legislazione

A livello legislativo, nell’Unione europea l’argomento “insetti” era stato trattato nel 1997, con il Regolamento 258/97 sui “Novel Food”. Le prime autorizzazioni sono arrivate nel maggio del 2021: a fare da apripista le larve del verme giallo della farina (Tenebrio molitor) e nel 2022 i grilli domestici (Acheta domesticus). Se gli ostacoli legislativi stanno lentamente trovando soluzione sotto l’occhio vigile dell’Ue, molto più difficili da abbattere sono le barriere socio-culturali. Convinto della necessità di tutelare i consumatori nazionali, come già detto, il Governo italiano ha firmato a marzo del 2023 4 decreti (uno per ciascuno degli insetti autorizzati dalla Ue) con norme in materia di etichettatura.

Il consumo di insetti in Italia, i dati dell’indagine dellEurispes

L’Eurispes ha voluto sondare la propensione degli italiani ad assaggiare prodotti a base di insetti, inserendo nell’indagine del Rapporto Italia 2023 alcuni interrogativi al riguardo. Alla richiesta di indicare con quale probabilità gli intervistati avrebbero assaggiato gli insetti, il 44,7% del campione si è dichiarato per niente propenso e il 37,8% poco propenso, per un totale dell’82,5%. Il restante 17,5% del campione si divide fra chi sarebbe abbastanza disposto ad assaggiarli (13,8%) e chi molto (solo il 3,7%). I più giovani, tra i 18 e i 24 anni si dichiarano nel 17,8% dei casi abbastanza disposti ad assaggiare gli insetti e i 25-34enni sarebbero molto curiosi di assaggiarli nel 5,2% dei casi. Gli uomini appaiono più propensi, rispetto alle donne, ad assaggiare insetti: queste ultime rispondono molto più spesso che non li assaggerebbero per nulla (48,8% contro 40,6%).

Farine a base di insetti, il 23,3% degli italiani le comprerebbe

I risultati dell’indagine condotta dall’Eurispes sono leggermente diversi quando non si parla più di insetti interi, ma di prodotti risultanti dalla loro lavorazione, ad esempio farine a base di insetti. Qui il 76,7% del campione non acquisterebbe prodotti che li contengono; il 23,3% li comprerebbe. Anche in questo caso i giovani fra 18 e 24 anni si esprimono complessivamente in modo più favorevole, rispondendo nel 24,3% dei casi che probabilmente acquisterebbero prodotti contenenti farine a base di insetti. Interessanti differenze si riscontrano a livello territoriale: si distinguono per una maggiore propensione all’acquisto i cittadini del Nord-Est (39,5%). Al Sud e nelle Isole la maggior parte si dichiara certo del fatto che non acquisterebbe mai prodotti di questo tipo (53,4% al Sud e 56,2% Isole). Nonostante le rassicurazioni dell’Ue, in Italia i tempi non sembrano ancora maturi per l’introduzione di questi cibi, che restano un prodotto di nicchia destinato a pochi curiosi amanti dell’etnico. Ma anche i più tradizionalisti non potranno esimersi dal fare i conti con la crisi alimentare e con gli stili di consumo destinati a cambiare.

Leggi anche

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang