Nutrirsi di insetti, l’alimentazione del futuro?

insetti

Nell’ultimo decennio il dibattito sull’uso degli insetti per scopi alimentari si è imposto in Europa e in Italia. E se all’inizio di quest’anno l’Unione europea ha approvato la commercializzazione di una particolare farina di insetti, in Italia sono molte le cautele a riguardo. Il Ministro dell’Agricoltura Lollobrigida, in risposta all’apertura dell’Ue all’uso alimentare degli insetti, ha varato una serie di decreti per garantire ai consumatori conoscenza del prodotto e trasparenza. Ovvero, prodotti  esposti con etichettature specifiche e separati dalle altre farine comuni, per quella che più volte è stata definita una difesa dei nostri costumi alimentari e del Made in Italy. Ma quella che può apparire a molti come una moda passeggera, potrebbe invece prendere piede in futuro? Alcuni infatti credono che questa possa essere la risposta alla crisi alimentare globale. La Fao da diversi anni insiste e avverte sull’esaurimento delle risorse alimentari e ricorda che, entro il 2050, la popolazione mondiale raggiungerà i 9 miliardi di persone e che per far fronte a questi numeri, sarebbe necessario raddoppiare l’attuale produzione alimentare. Con le risorse a disposizione oggi, insomma, non saremo in grado di sfamare la popolazione del futuro.

Nel loro ciclo vitale gli insetti emettono minori quantità di gas serra

Perché gli insetti? Per molte popolazioni gli insetti rappresentano circa il 50% dell’apporto proteico e occorre sottolineare che in alcuni paesi asiatici, africani e dell’America Latina l’entomofagia è una normale componente della cultura alimentare. La Fao ha individuato 1.900 specie utilizzate tradizionalmente come cibo, tra le quali le più consumate sono: coleotteri (31%); lepidotteri (bruchi, 18%); imenotteri (api, vespe e formiche, 14%); ortotteri (cavallette, locuste e grilli, 13%); emitteri (cicale, cicaline, cocciniglie e cimici, 10%), termiti (3%), libellule (3%) e mosche (2%). La maggior parte degli insetti consumati oggi viene raccolta direttamente in natura, quello che invece propone la Fao è la creazione di allevamenti di insetti su larga scala destinati all’alimentazione umana e ai mangimi animali che vadano a sostituire, o comunque ridurre, l’impatto degli allevamenti zootecnici. L’alimentazione a base di insetti potrebbe avere degli effetti anche sul fronte della sostenibilità. Nel loro ciclo vitale gli insetti emettono minori quantità di gas serra rispetto agli allevamenti di animali, il loro allevamento non richiede grandi appezzamenti di terreni né lo sfruttamento eccessivo del suolo.

Nutrirsi di insetti, barriere culturali e legislazione

A livello legislativo, nell’Unione europea l’argomento “insetti” era stato trattato nel 1997, con il Regolamento 258/97 sui “Novel Food”. Le prime autorizzazioni sono arrivate nel maggio del 2021: a fare da apripista le larve del verme giallo della farina (Tenebrio molitor) e nel 2022 i grilli domestici (Acheta domesticus). Se gli ostacoli legislativi stanno lentamente trovando soluzione sotto l’occhio vigile dell’Ue, molto più difficili da abbattere sono le barriere socio-culturali. Convinto della necessità di tutelare i consumatori nazionali, come già detto, il Governo italiano ha firmato a marzo del 2023 4 decreti (uno per ciascuno degli insetti autorizzati dalla Ue) con norme in materia di etichettatura.

Il consumo di insetti in Italia, i dati dell’indagine dellEurispes

L’Eurispes ha voluto sondare la propensione degli italiani ad assaggiare prodotti a base di insetti, inserendo nell’indagine del Rapporto Italia 2023 alcuni interrogativi al riguardo. Alla richiesta di indicare con quale probabilità gli intervistati avrebbero assaggiato gli insetti, il 44,7% del campione si è dichiarato per niente propenso e il 37,8% poco propenso, per un totale dell’82,5%. Il restante 17,5% del campione si divide fra chi sarebbe abbastanza disposto ad assaggiarli (13,8%) e chi molto (solo il 3,7%). I più giovani, tra i 18 e i 24 anni si dichiarano nel 17,8% dei casi abbastanza disposti ad assaggiare gli insetti e i 25-34enni sarebbero molto curiosi di assaggiarli nel 5,2% dei casi. Gli uomini appaiono più propensi, rispetto alle donne, ad assaggiare insetti: queste ultime rispondono molto più spesso che non li assaggerebbero per nulla (48,8% contro 40,6%).

Farine a base di insetti, il 23,3% degli italiani le comprerebbe

I risultati dell’indagine condotta dall’Eurispes sono leggermente diversi quando non si parla più di insetti interi, ma di prodotti risultanti dalla loro lavorazione, ad esempio farine a base di insetti. Qui il 76,7% del campione non acquisterebbe prodotti che li contengono; il 23,3% li comprerebbe. Anche in questo caso i giovani fra 18 e 24 anni si esprimono complessivamente in modo più favorevole, rispondendo nel 24,3% dei casi che probabilmente acquisterebbero prodotti contenenti farine a base di insetti. Interessanti differenze si riscontrano a livello territoriale: si distinguono per una maggiore propensione all’acquisto i cittadini del Nord-Est (39,5%). Al Sud e nelle Isole la maggior parte si dichiara certo del fatto che non acquisterebbe mai prodotti di questo tipo (53,4% al Sud e 56,2% Isole). Nonostante le rassicurazioni dell’Ue, in Italia i tempi non sembrano ancora maturi per l’introduzione di questi cibi, che restano un prodotto di nicchia destinato a pochi curiosi amanti dell’etnico. Ma anche i più tradizionalisti non potranno esimersi dal fare i conti con la crisi alimentare e con gli stili di consumo destinati a cambiare.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento