Perdersi in Europa senza famiglia, dieci storie di minori migranti

perdersi in europa

Perdersi in Europa senza famiglia. Storie di minori migranti (Altreconomia, 2023) si compone di dieci capitoli densi di dati, riflessioni, citazioni e storie che consentono di entrare in un intricato labirinto: un dedalo di sentieri sotto il cielo d’Europa, tra rotte di mare e camminamenti di montagna, in cui perdersi assieme ai minori migranti stranieri non accompagnati. Il giornalismo investigativo e le inchieste cross border, peculiarità di Lost in Europe  – un gruppo di 28 giornalisti di 14 Paesi, a cui le due autrici del libro Cecilia Ferrara e Angela Gennaro appartengono – sono alla base di questo viaggio alla scoperta del mondo dei vulnerabili: i giovani migranti, “la masnada delle aquile”, per estendere ai più di 20mila minori stranieri non accompagnati (Msna) attualmente in Italia l’espressione che Riccardo Roschetti utilizza riferendosi, nello specifico, all’immigrazione minorile albanese-kosovara in Italia.

Attualmente in Italia ci sono 20mila minori stranieri non accompagnati

Perdersi in Europa senza famiglia, per bambini e bambine, ragazzi e ragazze che sembrano non appartenere a nessuno, è molto facile. Con la stessa facilità, il civile e democratico Occidente si dimentica di inserire una questione così urgente nell’agenda politica italiana ed europea, come sostiene con solide argomentazioni il sociologo Eurispes Marco Omizzolo nell’Introduzione al libro, intitolandola opportunamente “Un’emergenza dimenticata”. Perdersi in Europa senza famiglia vuol dire anche smarrirsi tra i meandri del sesso e del lavoro forzati, dello sfruttamento criminale, tra rischi di violenza e abusi disumani e degradanti. Tutto questo viene ripercorso e raccontato nei dettagli, con grande perizia esplorativa e descrittiva, nonché dovizia di particolari dalle due giornaliste, che squarciano il velo di Maya assegnando il nome reale alle cose, ai fatti, senza mistificazioni: muri, rotte pericolose, porti insicuri, la stazione Termini come il quadrante dello spaccio, della prostituzione, della ricettazione, delle rapine. Volti incrociati, lacrime asciugate, piaghe curate, parole ascoltate e altrettanti silenzi assordanti accolti, che si sono tradotti in storie: quelle di Lamin, Fatos, Ahmed, Anastasia, Fatima, Quyen e Hieu, Edwin, Maissa, per citarne solo alcune. Le etichette occidentali, con le categorie di “noi” e “loro”, stigmatizzano il mondo dei vulnerabili come il mondo del rifiuto: barriere, confini, stereotipi anti-migranti sono alcuni dei termini che ricorrono più frequentemente, a determinare un vero e proprio campo semantico di esclusione, emarginazione, discriminazione, razzismo.

Perdersi in Europa vuol dire anche smarrirsi tra tra rischi di violenza e abusi

La linea del colore troppo spesso diventa il discrimen per non accogliere, con politiche adeguate, coloro che sono stati bambini nei loro paesi d’origine e non possono essere adolescenti in questa vita di migrazione. Perché non applicare pienamente la legge Zampa, creata appositamente nel 2017 per affrontare le sfide legate ai minori stranieri non accompagnati in Italia, per garantire loro una protezione adeguata e un percorso di integrazione efficace? La legge Zampa aveva come obiettivo quello di mettere a sistema il percorso di accoglienza per i Msna, dall’accertamento dell’età – uno dei punti più dibattuti e di maggior criticità – all’accoglienza, dalla possibilità di inserire i minori in famiglia, con un affido, alla creazione di tutori e la possibilità di seguire un percorso di formazione e integrazione che estende il permesso di soggiorno fino a 21 anni.

Perdersi in Europa senza famiglia si basa su un’oculata critica delle fonti, che indigna e interroga

I dieci capitoli di Perdersi in Europa senza famiglia. Storie di minori migranti contribuiscono a definire un “trattato” storico, basato su un’oculata critica delle fonti, che indigna e interroga le coscienze e lo spirito critico di tutti. Leggere questo eccellente e scrupoloso lavoro di Ferrara e Gennaro, con l’aggiunta dei contributi autorevoli di Duccio Facchini nella presentazione, di Geesje van Haren nella prefazione, del già citato Marco Omizzolo nell’introduzione, di Isabella Mancini e Ornella Fiore nelle postfazioni, può aiutare forse a riscoprire l’umanità che si annida in ciascuno di noi, facendo tesoro della lezione dantesca: “Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”. Solo così, forse, potremmo sperare in una palingenesi dell’umanità, attribuendo a quel “perdersi”, da cui siamo partiti, un’accezione diversa. Perdersi per ritrovarsi accanto e con i minori migranti stranieri non accompagnati, riempiendo quei vuoti, quei “senza” con politiche migratorie, politiche, sociali e culturali adeguate, facendo sentire quella “masnada di aquile” meno sola su pericolose rotte di mare e impervi sentieri di montagna.

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione