Perdersi in Europa senza famiglia, dieci storie di minori migranti

perdersi in europa

Perdersi in Europa senza famiglia. Storie di minori migranti (Altreconomia, 2023) si compone di dieci capitoli densi di dati, riflessioni, citazioni e storie che consentono di entrare in un intricato labirinto: un dedalo di sentieri sotto il cielo d’Europa, tra rotte di mare e camminamenti di montagna, in cui perdersi assieme ai minori migranti stranieri non accompagnati. Il giornalismo investigativo e le inchieste cross border, peculiarità di Lost in Europe  – un gruppo di 28 giornalisti di 14 Paesi, a cui le due autrici del libro Cecilia Ferrara e Angela Gennaro appartengono – sono alla base di questo viaggio alla scoperta del mondo dei vulnerabili: i giovani migranti, “la masnada delle aquile”, per estendere ai più di 20mila minori stranieri non accompagnati (Msna) attualmente in Italia l’espressione che Riccardo Roschetti utilizza riferendosi, nello specifico, all’immigrazione minorile albanese-kosovara in Italia.

Attualmente in Italia ci sono 20mila minori stranieri non accompagnati

Perdersi in Europa senza famiglia, per bambini e bambine, ragazzi e ragazze che sembrano non appartenere a nessuno, è molto facile. Con la stessa facilità, il civile e democratico Occidente si dimentica di inserire una questione così urgente nell’agenda politica italiana ed europea, come sostiene con solide argomentazioni il sociologo Eurispes Marco Omizzolo nell’Introduzione al libro, intitolandola opportunamente “Un’emergenza dimenticata”. Perdersi in Europa senza famiglia vuol dire anche smarrirsi tra i meandri del sesso e del lavoro forzati, dello sfruttamento criminale, tra rischi di violenza e abusi disumani e degradanti. Tutto questo viene ripercorso e raccontato nei dettagli, con grande perizia esplorativa e descrittiva, nonché dovizia di particolari dalle due giornaliste, che squarciano il velo di Maya assegnando il nome reale alle cose, ai fatti, senza mistificazioni: muri, rotte pericolose, porti insicuri, la stazione Termini come il quadrante dello spaccio, della prostituzione, della ricettazione, delle rapine. Volti incrociati, lacrime asciugate, piaghe curate, parole ascoltate e altrettanti silenzi assordanti accolti, che si sono tradotti in storie: quelle di Lamin, Fatos, Ahmed, Anastasia, Fatima, Quyen e Hieu, Edwin, Maissa, per citarne solo alcune. Le etichette occidentali, con le categorie di “noi” e “loro”, stigmatizzano il mondo dei vulnerabili come il mondo del rifiuto: barriere, confini, stereotipi anti-migranti sono alcuni dei termini che ricorrono più frequentemente, a determinare un vero e proprio campo semantico di esclusione, emarginazione, discriminazione, razzismo.

Perdersi in Europa vuol dire anche smarrirsi tra tra rischi di violenza e abusi

La linea del colore troppo spesso diventa il discrimen per non accogliere, con politiche adeguate, coloro che sono stati bambini nei loro paesi d’origine e non possono essere adolescenti in questa vita di migrazione. Perché non applicare pienamente la legge Zampa, creata appositamente nel 2017 per affrontare le sfide legate ai minori stranieri non accompagnati in Italia, per garantire loro una protezione adeguata e un percorso di integrazione efficace? La legge Zampa aveva come obiettivo quello di mettere a sistema il percorso di accoglienza per i Msna, dall’accertamento dell’età – uno dei punti più dibattuti e di maggior criticità – all’accoglienza, dalla possibilità di inserire i minori in famiglia, con un affido, alla creazione di tutori e la possibilità di seguire un percorso di formazione e integrazione che estende il permesso di soggiorno fino a 21 anni.

Perdersi in Europa senza famiglia si basa su un’oculata critica delle fonti, che indigna e interroga

I dieci capitoli di Perdersi in Europa senza famiglia. Storie di minori migranti contribuiscono a definire un “trattato” storico, basato su un’oculata critica delle fonti, che indigna e interroga le coscienze e lo spirito critico di tutti. Leggere questo eccellente e scrupoloso lavoro di Ferrara e Gennaro, con l’aggiunta dei contributi autorevoli di Duccio Facchini nella presentazione, di Geesje van Haren nella prefazione, del già citato Marco Omizzolo nell’introduzione, di Isabella Mancini e Ornella Fiore nelle postfazioni, può aiutare forse a riscoprire l’umanità che si annida in ciascuno di noi, facendo tesoro della lezione dantesca: “Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”. Solo così, forse, potremmo sperare in una palingenesi dell’umanità, attribuendo a quel “perdersi”, da cui siamo partiti, un’accezione diversa. Perdersi per ritrovarsi accanto e con i minori migranti stranieri non accompagnati, riempiendo quei vuoti, quei “senza” con politiche migratorie, politiche, sociali e culturali adeguate, facendo sentire quella “masnada di aquile” meno sola su pericolose rotte di mare e impervi sentieri di montagna.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento