Disuguaglianze educative: il divario che inizia dalla culla. L’urgenza di interventi precoci per un futuro equo

povertà educativa

Fine di un anno e inizio di uno nuovo, tempo di bilanci, tempo di statistiche e di numeri che ci raccontano l’Italia che siamo e che saremo. Tempo di attesa e di speranze. È anche tempo di vacanze per i 7,2 milioni studenti che hanno atteso il suono dell’ultima campanella prima dell’inizio delle vacanze natalizie, stessa campanella che, dopo le feste, li richiamerà sui banchi di scuola. E se non tutti apprezzeranno il ritorno alla routine scolastica, è innegabile che l’accesso diffuso all’istruzione scolastica resta uno dei più bei regali conquistati nel secolo scorso, caposaldo per lo sviluppo di una società equa e primo passo verso la garanzia di pari opportunità. Eppure proprio gli studenti sono ignari protagonisti di alcune statistiche che ci parlano di un Paese in profonda crisi sotto il profilo educativo.

In Italia circa 1,4 milioni di minorenni vivono in condizione di povertà assoluta

In Italia circa 1,4 milioni di minorenni vivono in condizione di povertà assoluta, cui si aggiungono gli oltre due milioni a rischio povertà (circa un minore su quattro), ovvero quelli con un reddito familiare inferiore del 60% rispetto a quello medio nazionale o i cui genitori hanno un lavoro saltuario o che non possono permettersi di soddisfare alcuni bisogni essenziali. Tutto questo ha un impatto significativo sulla loro educazione: povertà economica e povertà educativa sono strettamente correlate e si alimentano a vicenda in un circolo vizioso in cui le ristrettezze economiche limitano l’accesso alle opportunità educative e culturali e, le limitate risorse culturali, frenano le future opportunità lavorative. Dunque, se è vero che tutti hanno diritto all’istruzione, è altrettanto vero che il punto di partenza non è uguale per tutti e, senza interventi adeguati, la scuola rischia di essere il luogo dove sin dalla primissima infanzia, i divari si acuiscono.

Povertà economica e povertà educativa sono strettamente correlate e si alimentano a vicenda

La famiglia, primo spazio di formazione di un individuo, è il luogo dove tutto ha inizio e le famiglie non sono tutte uguali né hanno tutte le stesse possibilità. Per i bambini provenienti da famiglie svantaggiate è, rispetto ai loro coetanei, decisamente più alta la probabilità di andare incontro ad uno scarso apprendimento precoce che li espone negli anni della formazione primaria e, successivamente in tutto il loro percorso accademico, al rischio di ottenere risultati meno soddisfacenti rispetto agli altri. Risultati scolastici peggiori che non rispecchiano la reale possibilità di apprendimento, ma che spesso diventano il preambolo per le successive disparità: opportunità di lavoro e carriera, guadagni, impegno nella società.

Nel nostro Paese meno del 30% dei bambini di età inferiore a 3 anni ha la possibilità di accedere ai nidi d’infanzia

I primi anni di vita sono fondamentali per lo sviluppo delle competenze socio-emotive di un bambino, competenze che possono fare la differenza nella capacita di adattarsi con serenità all’ambiente scolastico ed ottenere risultati adeguati. Un’analisi condotta dall’OCSE[1] ha evidenziato significativi divari di apprendimento per i bambini provenienti da famiglie svantaggiate rispetto a quelli nati in famiglie più avvantaggiate (individuate sulla base del livello di istruzione dei genitori, delle occupazioni e del reddito familiare). L’ambiente in cui i bambini crescono e gli stimoli che da esso ricevono hanno un impatto che, seppur intangibile, inizia a tracciare la strada verso la disuguaglianza: già ad otto mesi di vita i primi mostrano una ridotta flessibilità mentale che nei mesi successivi si trasforma in un livello più basso di “alfabetizzazione emergente” (evidente già a 12 mesi), considerata fra i più affidabili indicatori predittivi dei successivi risultati scolastici. Fondamentale per lo sviluppo delle capacità di apprendimento è la frequentazione, fin dalla prima infanzia, di ambienti educativi esterni a quello familiare, in particolare i nidi d’infanzia: eppure, nel nostro Paese meno del 30% dei bambini di età inferiore a 3 anni ha la possibilità di accedere a questo tipo di servizio[2]. Anche in questo caso risultano penalizzate le famiglie a basso reddito, sia per il costo elevato delle rette, sia perché la carenza di nidi riguarda soprattutto le aree economicamente depresse.

Povertà educativa, i divari accumulati nella prima infanzia si acuiscono con il passare del tempo

I test condotti su bambini e ragazzi in età scolare (ad esempio, il programma PISA[3] e i test INVALSI) hanno dimostrato che i divari accumulati nella prima infanzia si acuiscono con il passare del tempo, con gli studenti provenienti da contesti socio-economici svantaggiati che ottengono punteggi mediamente inferiori, soprattutto per quanto riguarda le competenze in italiano e matematica. Un altro dato allarmante è quello relativo alla dispersione scolastica in tutte le sue forme, che, come affermato dallo stesso Ministro dell’Istruzione e del Merito in un’audizione del 9 maggio 2023 dipende, oltre che da cause intrinseche al sistema scolastico, «da fattori socioeconomico-culturali che rimandano ad una situazione di disagio più profondo e di malessere del ragazzo anche in relazione al contesto in cui vive». In Italia, secondo i dati Eurostat il fenomeno coinvolge quasi il 13% dei giovani (in Europa fanno peggio solo Spagna e Romania) e i cosiddetti Neet, giovani fra i 15 e i 34 anni che non studiano, non lavorano e non si trovano in un percorso di formazione, sono di più che in tutto il resto dell’Unione europea e, guarda caso, sono i giovani provenienti da famiglie a basso reddito e da contesti svantaggiati a collezionare le percentuali più alte per entrambi i fenomeni.  

Dispersione scolastica e disuguaglianze, incidono fattori socioeconomico-culturali

Come spesso accade, in Italia il divario traccia una netta divisione fra Nord e Sud del Paese: le regioni meridionali ottengono risultati peggiori in quasi tutti gli indicatori relativi alla povertà educativa. Tassi di dispersione scolastica superiori al 15%, servizi educativi per la prima infanzia che coprono meno del 10% delle potenziali richieste e studenti che nel 30% dei casi non raggiungono le competenze minime nelle materie fondamentali. 

Certamente non si può affermare che la correlazione fra povertà materiale e minor apprendimento sia scontata e diretta: non è raro, infatti, che bambini e ragazzi, provenienti da un contesto familiare con basso reddito, ottengano risultati scolastici migliori dei coetanei provenienti da famiglie più abbienti, ma i dati suggeriscono che siamo ancora distanti da un sistema scolastico capace di garantire pari opportunità. L’istruzione, per essere veramente equa, dovrebbe farsi carico fin dall’infanzia dei bisogni dei bambini svantaggiati, evitando che essi arrivino alla scuola dell’obbligo partendo un passo indietro rispetto agli altri. Vista la complessità del fenomeno, il contrasto alla povertà educativa deve prevedere un approccio integrato capace non solo di coinvolgere la scuola, ma anche di sostenere le famiglie, il territorio e le agenzie educative, offrendo opportunità di crescita e sviluppo personale anche al di fuori dell’ambiente scolastico.
Al suono della campanella, che i bambini e i ragazzi si godano la magia delle vacanze di Natale e dei regali sotto l’albero e, che gli adulti e la politica si impegnino per regalare loro una società in cui il diritto allo studio si trasformi in diritto alla formazione di qualità, dalla culla sino all’ultimo esame all’Università.

[1]OECD (2020), Early Learning and Child Well-being: A Study of Five-year-Olds in England, Estonia, and the United States, OECD Publishing, Paris, https://doi.org/10.1787/3990407f-en.
[2]
Fonte: Istat.
[3] Programme for International Student Assessment.

 
*Mariarosaria Zamboi, ricercatrice dell’Eurispes.
Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento