Piano Nazionale Complementare, uno strumento di sinergia col Pnrr

pnc

Le questioni legate al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza hanno assorbito la maggior parte deldibattito sulla ripresa dell’economia nazionale. È altrettanto importante non trascurare il Piano Nazionale Complementare (Pnc), strumento sinergico rispetto al Pnrr con una dotazione di circa 31 miliardi. Il Piano Complementare è nato con il decreto-legge numero 59 del 6 maggio 2021 e prevede uno stanziamento pari a 30,6 miliardi di risorse nazionali per la programmazione 2021-2026. L’integrazione tra Pnrr e Pnc toccherà 30 interventi, 24 dei quali saranno finanziati esclusivamente da quest’ultimo – si tratta di progetti strategici per l’attuazione del percorso tracciato dal Pnrr, sebbene non perfettamente in linea con i criteri stabiliti dal Regolamento RRF – e 6 cofinanziati da entrambi gli strumenti. È quindi evidente quanto la messa a terra dell’uno non possa non prescindere dall’altro. Occorre chiedersi come stia procedendo l’implementazione, al fine di comprendere se e come talune caratteristiche siano trasversali rispetto a entrambi i Piani.

Il Pnc è uno strumento sinergico rispetto al Pnrr con una dotazione di circa 31 miliardi

Malgrado le premesse, anche il Pnc sta scontando ritardi e difficoltà. L’ultimo rapporto della Ragioneria Generale dello Stato si è focalizzato in particolare sui termini del secondo trimestre (aprile-giugno 2023) e ha evidenziato un “ritardo nel rispetto delle scadenze” poiché “il 39% degli obiettivi risulta non conseguito”. Superata la fase degli adempimenti normativi, amministrativi e burocratici, l’attenzione del pubblico si è rivolta alla messa a terra effettiva dei progetti e gli obiettivi sono diventati più complessi da raggiungere, sia al livello delle amministrazioni centrali, sia a quello degli enti locali. Per dare un’idea, il Rapporto sulle leggi pluriennali di spesa – allegato alla NaDef – illustra una situazione in cui quasi un quarto delle autorizzazioni di spesa non ha rispettato la programmazione temporale. Le ragioni vengono identificate principalmente in difficoltà amministrative e normative, ma il timore è che gli slittamenti derivino da limiti di gestione strutturali, come ad esempio, il basso livello di digitalizzazione di molti enti pubblici o la carenza di personale qualificato.

Anche il Pnc sta riscontrando ritardi e difficoltà e il 39% degli obiettivi risulta non conseguito

A questi elementi si aggiungono anche le incertezze connesse alla recente scelta di de-finanziare 9 investimenti Pnrr, a cui erano destinati complessivamente 17 miliardi di risorse, di cui circa 12 già assegnati a quasi 43mila progetti. L’esecutivo ha proposto di mobilitare il denaro di provenienza europea (Fondo sviluppo e coesione) per garantire la copertura finanziaria di questi ultimi e la cabina di regia si riunirà nei prossimi giorni per discutere anche di questo. Ulteriore tema è quello della trasparenza: se le sei componenti che integrano il Pnrr rientrano in un sistema di monitoraggio europeo e mettono in opera strumenti attuativi comuni, le altre 24 progettualità scontano una certa mancanza di informazioni al pubblico. L’ultima relazione della Rgs è ricca di dettagli rispetto alla precedente di marzo, ma esistono ancora alcune lacune, come l’assenza di notizie puntuali e precise sui singoli progetti previsti dal Piano.

Pnrr e Pnc, puntare sul capitale umano tramite l’istituzione di figure di raccordo

Alla luce di tale scenario, puntare sul capitale umano tramite l’istituzione di figure di raccordo per ottimizzare i canali di controllo e rilevazione qualitativa, potrebbe rappresentare un passo significativo verso la rimozione degli ostacoli a lungo termine. Sarà inoltre essenziale garantire un monitoraggio costante e un sostegno efficace alle amministrazioni locali, affinché i miliardi di euro stanziati per la ripresa economico-sociale possano essere strumenti di leva per lo sviluppo. Solo attraverso un’impostazione chiara e la massima collaborazione tra tutti i livelli istituzionali si potrà realmente superare questa fase critica e ottenere i risultati sperati.

Leggi anche

*Founder e Managing Director di Futuritaly, strategic advisor con lunga esperienza nel mondo pubblico e industriale.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento