PNRR, la capacità di spesa degli enti locali e le competenze digitali nella PA

PNRR enti

La recente disamina sull’attuazione degli investimenti derivanti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) da parte della Corte dei Conti impone una seria riflessione su alcune tra le principali sfide che rimangono da affrontare: prima su tutte, la capacità degli enti territoriali di realizzare i progetti pianificati, soprattutto nel Sud Italia. Se da un lato gli obiettivi posti dall’Europa sono stati centrati, le stesse performances non si riflettono nelle scadenze nazionali, più di un quarto delle quali risulta non rispettata.

La prima sfida del PNRR è capacità degli enti territoriali di realizzare i progetti pianificati, soprattutto nel Sud Italia

Per comprendere le ragioni profonde di questi ritardi, risulta preziosa la relazione sulla finanza comunale pubblicata da Banca di Italia relativa al 2022. Lo studio evidenzia come le risorse destinate ai servizi essenziali appaiano notevolmente inferiori al Sud rispetto al Centro-Nord, con un significativo calo della spesa per investimenti. Se a questo sommiamo l’aumento dell’inflazione con il conseguente incremento dei costi dei programmi, emerge in modo evidente la difficoltà di realizzare progettualità virtuose. Una carenza di liquidità che andrebbe tuttavia garantita ai soggetti attuatori, soprattutto in una fase cruciale di messa a terra dei piani. In questa direzione vanno, ad esempio, strumenti come quello di recente creazione da parte di Cassa Depositi e Prestiti, ovvero il “Prestito Investimenti PNRR-PNC” che mira a fornire un supporto concreto per l’implementazione di interventi di edilizia scolastica, efficientamento energetico e altre priorità in linea con le direttrici strategiche di sviluppo.  

Per allinearsi agli standard europei le PA dovrebbero assumere 65mila profili scientifici e ingegneristici

A tutto ciò si unisce l’altra sfida evidenziata dalla Corte dei Conti, ovvero la necessità per le realtà pubbliche di potenziare le competenze digitali del personale. Nella piena consapevolezza della centralità del ruolo delle competenze, la relazione ha sottolineato come, per allineare i numeri agli standard europei, le PA dovrebbero assumere 65mila professionisti con profili scientifici e ingegneristici. In questi anni diversi strumenti normativi sono stati previsti per sostenere le realtà con le criticità maggiori, sia con un incremento delle attività di recruiting che con misure di rafforzamento della capacità amministrativa. Si pensi ad esempio all’autorizzazione ad assumere quasi tremila unità con procedure concorsuali semplificate o ai servizi di assistenza tecnica come il portale Capacity Italy, tramite il quale Amministrazioni centrali e locali possono avvalersi del supporto operativo degli esperti di Invitalia, Cassa Depositi e Prestiti e Medio Credito Centrale, tra gli altri.

Serve una mappatura dei sistemi territoriali con minori capacità in termini amministrativi, finanziari e di capitale umano

Tuttavia, è necessario agire in profondità nel Sistema-Paese, affrontando i temi della formazione e dell’educazione tecnica in ottica strategica e non solamente legata al momento peculiare. Il PNRR può svolgere un ruolo cruciale nel rilancio italiano, ma le sfide, come il rispetto delle scadenze nazionali, il monitoraggio attento delle attività e la riduzione del gap di personale specializzato, richiedono un’immediata considerazione. Sono dunque necessarie azioni che riescano a raccordare risorse e competenze a disposizione del settore pubblico, andando oltre le contingenze legate al PNRR. Partendo da una mappatura dei sistemi territoriali che scontano una minore capacità in termini amministrativi, finanziari e di capitale umano, sarà possibile pianificare la strategia di gestione dei prossimi cicli di programmazione nazionali ed europei. L’occasione è quella di applicare le buone pratiche del “metodo PNRR” in modo esteso e generalizzato per la pianificazione, la realizzazione e il controllo degli investimenti pubblici negli anni a venire.

*Founder e Managing Director di Futuritaly, strategic advisor con lunga esperienza nel mondo pubblico e industriale.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento