La Riforma della riscossione, nuovi criteri per decongestionare i debiti non riscuotibili

Nell’ambito della Riforma fiscale, il Consiglio dei Ministri dell’11 marzo 2024 ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che introduce disposizioni in materia di riordino del sistema nazionale della riscossione. Il nuovo decreto prevede per l’Agenzia delle Entrate-Riscossione (AdER) una pianificazione annuale, volta ad assicurare la salvaguardia dei crediti tributari affidati dai vari Enti mediante il tempestivo tentativo di notifica della cartella di pagamento e degli atti interruttivi della prescrizione e la conseguente tempestiva gestione delle attività di recupero.

Il nuovo testo introduce il “discarico automatico” dei ruoli dopo 5 anni dal loro affidamento

Il testo introduce, a decorrere dal 2025, l’istituto del “discarico automatico” dei ruoli affidati ad AdER decorsi 5 anni dal loro affidamento, ad eccezione di quelli i cui crediti sono oggetto di procedure esecutive, concorsuali o di accordi di ristrutturazione del debito. Il discarico non comporterà comunque automaticamente l’estinzione del debito, e pertanto l’Ente creditore potrà provvedere autonomamente alla riscossione del credito non prescritto, o, in presenza di “nuovi e significativi elementi reddituali o patrimoniali del debitore”, riaffidarlo all’Agenzia Entrate-Riscossione. Si stabilisce poi la costituzione di un’apposita Commissione per individuare possibili soluzioni legislative per i discarichi dei ruoli affidati all’agente della riscossione dal 2000 al 2024; ruoli che valgono circa 1.200 miliardi di euro, suddivisi in 163 milioni di cartelle e avvisi, che fanno capo a oltre 22 milioni di contribuenti, tra cui 19 milioni di persone fisiche.

Gli obiettivi al 2031 per il discarico dei ruolio

La Commissione dovrà analizzare il magazzino e proporre delle soluzioni per arrivare al discarico totale o parziale dei ruoli: obiettivo da raggiungere entro il 31 dicembre 2025 per quelli affidati dal 2000 al 2010 (quasi il 30%), entro fine 2027 per quelli risalenti al 2011-2017 ed entro fine 2031 per le pendenze datate 2018-2024. Si prevede infine l’estensione del numero massimo di rate per la rateizzazione ordinaria dei debiti fiscali dalle attuali 72 a 120 rate. L’aumento delle rate sarà comunque progressivo, passando da 85 per le richieste presentate nel 2025 e 2026, a 97 per il 2027 e 2028, a 109 dal primo gennaio 2029. In caso di comprovato peggioramento della situazione economica del debitore, il periodo potrà anche essere prorogato, una sola volta, per un periodo di pari durata. L’allungamento dei piani di pagamento, come detto, avverrà in modo progressivo dato che, come intuibile, avrà un impatto sui flussi di cassa, solo parzialmente attenuato dagli interessi. Ogni passaggio verso un programma di versamenti più estesi dovrà dunque essere preceduto da una verifica sulle ricadute finanziarie.

La riforma interviene sulla riscossione di 163 milioni di cartelle e avvisi che fanno capo a oltre 22 milioni di contribuenti

Tanto premesso, quello che, in attesa del testo definitivo, preme fin da subito evidenziare è che non si tratterà di una misura straordinaria, come quelle recentemente introdotte nell’ambito delle procedure definitorie (la cosiddetta tregua fiscale), ma di un criterio nuovo per la cancellazione dal magazzino dei crediti non riscossi. Che una riforma fosse necessaria è del resto dimostrato dai numeri, laddove oggi, dopo 10 anni dall’iscrizione a ruolo, su 100 euro attesi ne vengono incassati meno di 15. Secondo quanto emerso dall’ultima audizione del Direttore dell’Agenzia delle Entrate e Riscossione, al momento, solo l’8% del magazzino (101 miliardi) ha qualche chance di essere recuperato alle casse dell’Erario.

Dopo 10 anni dall’iscrizione a ruolo, su 100 euro attesi ne vengono incassati meno di 15

A fronte delle misure sopra indicate, del resto, la riscossione dovrebbe uscirne rafforzata, essendo, tra le altre, l’Agenzia Entrate-Riscossione tenuta a notificare “tempestivamente” le cartelle non oltre nove mesi dopo l’affidamento del carico. Tanto rilevato in ordine alla riforma in corso, si evidenzia che le criticità di sistema relative alla riscossione dei debiti fiscali sono sostanzialmente riconducibili all’accumulo dei debiti fiscali in mancanza di cancellazione delle posizioni non più riscuotibili e alla farraginosità del processo di riscossione, che si presenta eccessivamente macchinoso, imponendo azioni di recupero pressoché indistinte per tutti i carichi affidati all’Agente della riscossione, a prescindere dal loro importo e da una preliminare valutazione di solvibilità del debitore. Come visto la riforma interviene senz’altro sul primo punto, dovendosi poi ancora perfezionare le modalità di intervento sul secondo, al fine di modulare le attività di recupero sulla base di una strategia volta a massimizzare l’efficacia dell’azione di riscossione. I due profili sono comunque tra loro collegati, laddove la mancata cancellazione debiti non più recuperabili comporta l’impossibilità di realizzare i principi di efficienza, efficacia e buon andamento dell’azione dell’Agenzia Entrate-Riscossione, costretta, in ogni periodo d’imposta, ad attivarsi per la loro infruttuosa riscossione. In tale direzione, tra le novità del decreto di riforma, dovrebbe peraltro trovare spazio anche l’ulteriore facoltà di “anticipare i tempi”, potendo l’Agenzia Entrate-Riscossione inviare all’ente creditore, in qualsiasi momento, una comunicazione di discarico anticipato, in caso, ad esempio, di fallimento o liquidazione giudiziale del debitore, o, ancora, per i contribuenti nullatenenti.

Fatture elettroniche e accesso a dati anagrafici potrebbero aiutare il processo di riscossione

In conclusione, nel proseguire su tale opera di “risanamento”, quali potrebbero essere altri possibili spunti operativi di efficientamento? Le fatture elettroniche potrebbero, ad esempio, essere utilizzate anche dall’Agente della riscossione allo scopo di reperire le informazioni utili all’avvio, in modo mirato, di procedure presso terzi di contrasto alla cosiddetta evasione da riscossione. Così come, considerato che attualmente l’accesso all’anagrafe dei rapporti finanziari da parte del Concessionario è ancora limitato, con la conseguenza che spesso vengono avviati pignoramenti al buio (senza cioé informazioni aggiornate sulle capienze dei conti correnti dei debitori), potrebbero essere trasmessi allo stesso Agente della riscossione alcuni dati che attualmente sono inviati solo all’Agenzia delle Entrate, quali, ad esempio, il codice Iban, in modo che l’attività di recupero possa essere più efficace e comunque diretta solo verso quei rapporti finanziari che possano essere capienti ai fini dell’esecuzione. Insomma, un percorso non facile, ma da qualche parte bisognava cominciare a scalare la montagna.

*Avv. Giovambattista Palumbo, Direttore Osservatorio dell’Eurispes sulle Politiche fiscali.

Leggi anche

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang