Verso una Europa sempre più unita, non solo economicamente

Unione

La realtà fa emergere ora più di prima la necessità di strutturare una politica estera e di difesa comune in Europa: le guerre odierne e il ruolo molto sfumato dell’Unione dovrebbero spingere i componenti a scegliere questa strada, al fine di supportare particolarmente e rendere fattuale l’identità dell’Unione medesima. La necessaria chiarezza sui principi primi etico-politici dell’Ue hanno bisogno di essere affermati dall’espletamento di un ruolo importante e ben definito nello scacchiere internazionale, pena il rischio di essere completamente schiacciati dalla nuova politica di blocchi che si sta determinando nel mondo. Il valore sostanziale di condivisione, solidarietà e progresso dell’Unione non può divenire ulteriormente il famoso “vaso di coccio tra tanti vasi di ferro” di manzoniana memoria. Non possiamo dimenticare le nostre radici storico-politiche né le motivazioni fondative dell’Unione: tutto questo però deve essere continuamente declinato secondo le esigenze che nel tempo si sono andate modificando. Il richiamo necessario alla neutralità e alla non belligeranza non può essere scambiato per passività ed inconsistenza difensiva. La necessità di una vera politica estera e conseguentemente difensiva debbono fare da solida sponda ai valori espressi dai fondatori.

Serve un ruolo definito nello scacchiere internazionale, pena il rischio di essere schiacciati dalla politica di blocchi che si sta determinando

Sono molteplici le scommesse, o meglio le sfide, cui l’uomo contemporaneo deve far fronte e rispetto ai quali gli stati sembrano essere carenti. In tale contesto, non si può abdicare né al ruolo di responsabilità individuale né tantomeno a quello collettivo, ma la forza della condivisione diventa la necessaria strada da percorrere per affrontare queste sfide e l’unico strumento per non lasciare di fatto indietro nessuno. Questo, anche se ci saranno tempi diversi e modalità differenziate per gestire la coesione di fronte alla necessità di risolvere problematiche complesse e vissute in maniera difforme dai diversi popoli. A tal fine è assolutamente sostenibile la necessità di superare la logica dell’unanimismo, in quanto divenuta nel tempo una visione strumentalmente idealizzata, per andare verso una determinazione a maggioranza qualificata che implichi l’esercizio di una vera e sostanziale responsabilità.

In relazione alla già citata esistenza di complessi problemi interni degli stati dell’Unione ed esterni in rapporto alla Nato, sono le trattative politiche che possono e debbono trovare soluzioni, individuando i concreti aggiustamenti e compromessi. Ciò non può identificarsi come una fuga dal problema, ma come un percorso necessario per realizzare una politica europea comune e condivisa. Il valore della politica si realizza proprio nella gestione di questo percorso in cui saranno integrati momenti complessi, articolazioni organizzative e necessarie mediazioni per concretizzare l’azione che la realtà odierna e le esigenze future stanno richiedendo.

Non potrà più esistere una definizione esclusivamente economica dell’Unione

Non siamo all’anno zero, ma possiamo partire dal nucleo degli stati fondatori, i quali hanno già aderito da tempo alle diverse finalità dell’Unione di ordine economico monetario e di “competenze rafforzate”, oltre ad aver da sempre condiviso i valori fondativi dell’Unione. Altri Stati da considerare sono quelli con rilevante entità demografiche e quelli che hanno concordato tra loro, per affinità di competenze, azioni comuni. La cooperazione rafforzata potrà essere inizialmente lo strumento per giungere a una vera e propria decisione costituzionale e organizzativa, che potrà definire il percorso metodologico e temporale all’interno del quale potranno essere raggiunti i necessari accordi e trovate le geometrie utili al raggiungimento della finalità complessiva. Ciò che non potrà più esistere, sarà la definizione esclusivamente economica dell’Unione. La visione politica complessiva dovrà essere il perno entro il quale si potranno muovere i diversi organismi unitari ed in questo ambito non può essere esclusa la politica estera e di difesa.

*Ricercatrice Sociale, UIL.

Laboratorio Europa

Leggi anche

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang