Diritto alla salute e obbligatorietà dei vaccini

diritto salute

In un articolo di inizio pandemia (16 marzo 2020) sulla legittimità costituzionale delle misure di contenimento adottate dal Governo dell’epoca, sostenevo non solo l’assenza di alcun profilo di incostituzionalità, ma anche la doverosità delle stesse, ai fini della tutela del diritto alla salute, che l’art. 32 della Costituzione definisce “fondamentale”. Avevo scritto allora che tale qualifica non era dovuta ad una sorta di gerarchia dei diritti costituzionali, ma al carattere funzionale che la “salute” assume ai fini del pieno esercizio della cittadinanza attiva, del diritto di libera manifestazione del pensiero, riunione, circolazione, partecipazione alla vita politica.

Il dovere di non giocare con la salute degli altri

Sull’argomento e con ben altra autorevolezza è intervenuto il costituzionalista Gustavo Zagrebelsky, che, in una intervista rilasciata a Il Fatto quotidiano del 7 agosto 2020, confermava le mie considerazioni di marzo. Queste le sue parole: «È prevista dalla Carta la possibilità di limitare la libertà di circolazione per motivi di sanità e incolumità pubblica. Se si parte dal presupposto che tali motivi esistono, la conseguenza ovvia è la legittimità delle restrizioni alla libertà di circolazione. Si dice che queste restrizioni incidono su altri diritti: di riunione, di studio e socializzazione scolastica, di attività lavorativa, perfino di esercizio comunitario della libertà di culto. Ma queste sono conseguenze, di cui non è lecito sminuire la gravità, che tuttavia derivano dall’esigenza precauzionale relativa alla tutela della salute». E a chi sosteneva il carattere autoritativo delle misure di contenimento, così replicava: «Sì, ci sono alcuni che, per il gusto del beau geste libertario assomigliante al “menefreghismo” estetizzante dei futuristi d’altri tempi, non esitano a mettere in pericolo la salute altrui. Ma, qui non c’è il diritto di fare della propria salute quello che si vuole, ma c’è il dovere di non giocare con la salute degli altri. Sono degli irresponsabili che hanno della loro libertà un concetto totalmente egoistico».

Oggi, la pandemia ha provocato circa 120.000 decessi, il collasso del Sistema sanitario nazionale, la crisi economica di molte attività imprenditoriali, in particolare nel settore del commercio, della ristorazione, del turismo, dello spettacolo, dello sport. Nonostante che i dati giorno per giorno, nei mesi della “terza ondata”, ci informavano dell’estensione della pandemia, anche per effetto delle varianti (alias “mutazioni”), il popolo negazionista non demorde, e usa falsità organizzate, a volte farneticanti, con connotazioni eversive e antisemite, come in un recente libro (sarebbe ingiusto definirlo “saggio”), sul quale non è il caso di soffermarsi.

Diritto alla salute, vaccinazione di massa e sicurezza nazionale 

C’è un problema di sicurezza sanitaria, di sicurezza economica, di sicurezza sociale, insomma di sicurezza nazionale. Di conseguenza, il solo rimedio idoneo a stroncare la trasmissione del Covid-19, è la vaccinazione di massa. Operazione complessa soprattutto nei paesi con alto numero di abitanti, con alta percentuale di anziani ultraottantenni, di per sé fragili, con disponibilità di vaccini limitata.

Per raggiungere risultati positivi, è necessario inserire i vaccini anti-Covid tra quelli obbligatori per legge? Non sarebbe una soluzione autoritativa e liberticida. Tutt’altro. Esistono dieci patologie contagiose a vario titolo, per le quali è da tempo prevista l’obbligatorietà del vaccino, per i minori da 0 a 16 anni. Sono: antipoliomielitica, antidifterica, antitetanica, antiepatite B, antipertosse, antihaemophilus influenzae tipo b, vaccino trivalente (antimorbillo, antirosolia, antiparotite, antivaricella). Molte di queste patologie hanno esito mortale solo in rari casi (come quelle del vaccino trivalente) e dunque non si vede perché non si debba introdurre l’obbligatorietà dei vaccini, dei quali sia assicurata una percentuale di efficacia superiore al 90%.

Misure amministrative per il personale sanitario che rifiuta il vaccino

Nel caso della pandemia da Covid-19, è stata resa obbligatoria la vaccinazione del personale sanitario in genere, obbligo la cui violazione non è sanzionata penalmente, ma con misure di tipo amministrativo, come il demansionamento e/o la sospensione dalle funzioni esercitate presso case di ricovero per anziani, ospedali e strutture sanitarie come farmacie, laboratori di analisi, medici di famiglia.

Nel caso si voglia disporre un obbligo generalizzato, occorre seguire la procedura prevista all’art. 32, comma secondo, prima parte della Costituzione, secondo cui: «Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge» Non v’è dubbio che anche la somministrazione obbligatoria di un vaccino rientri nella più ampia categoria dei trattamenti sanitari, con riserva di legge. È una necessità sin troppo ovvia, sulla quale si sono esercitati illustri costituzionalisti, presidenti ed ex presidenti della Corte costituzionale, per sostenere, come se potessero esserci dubbi, sulla necessità di un chiaro intervento legislativo. La lettura dell’art. 32 sarebbe stata sufficiente a dirimere eventuali dubbi anche per chi della Costituzione repubblicana ha conoscenze vaghe e generiche.

Dell’obbligo di vaccinazione aveva avuto modo di occuparsi la sentenza della Corte costituzionale n. 5 del 2018, relatore e redattore l’allora giudice costituzionale e ora Ministro della Giustizia, Marta Cartabia. La sentenza stabiliva che il trattamento sanitario obbligatorio è conforme alla Costituzione alle seguenti condizioni: se è diretto non solo a tutelare lo stato di salute della persona vaccinata, ma anche a preservare la salute degli altri; se non incide negativamente sulla salute di chi viene vaccinato; se, nel caso la persona vaccinata abbia subìto qualche conseguenza negativa, sia prevista in suo favore una equa indennità.

Applicazione terapeutica del diritto alla salute propria

Non vi sarebbe necessità della previsione legislativa dell’obbligatorietà del vaccino se non vi fosse “il rifiuto del vaccino” che ha interessato non solo l’uomo della strada, diffidente e timoroso di ogni intervento esterno sul proprio corpo, ma addirittura parte non trascurabile del personale sanitario (medici e infermieri).

L’ampia adesione alla campagna vaccinale ha reso in gran parte superflua la necessità dell’obbligo vaccinale, stante la prossimità semantica tra “prescrizione medica” e “obbligo giuridico”. Ciò in forza del principio costituzionale della irrinunciabile solidarietà (art. 2 Cost.), secondo il quale la vaccinazione, a prescindere dalla previsione dell’obbligatorietà normativa, costituisce non solo l’applicazione terapeutica del diritto alla salute propria, ma anche un “dovere”, al fine di evitare danni alla salute altrui. Vi è ancora un “tertium genus” da considerare, quello della “necessità” della vaccinazione. Sono le ipotesi che ricorrono “per motivi di lavoro” (tutto il comparto sanitario) o “per incarico del loro ufficio” (Forze dell’ordine, addetti alle casse o agli sportelli di uffici pubblici, banche, ecc.) o per potere accedere ad uno Stato estero.

I vaccini raccomandati non sono, dunque, meno importanti di quelli obbligatori. Ed il diverso regime giuridico non discende da una graduazione di importanza, ma da una scelta strategica delle autorità sanitarie e di governo – che possono conseguire il raggiungimento degli obiettivi prefissati con la campagna vaccinale ‒ sull’informazione e sulla persuasione, piuttosto che sulle sanzioni di natura amministrativa o penale.

Il diritto alla salute nei luoghi di lavoro

Nei luoghi di lavoro, inoltre, è il datore di lavoro che ha l’obbligo di adottare le misure necessarie per evitare la possibilità di contagio al loro interno, da cui discende che l’eventuale contagio deve essere classificato un infortunio sul lavoro vero e proprio, quando si tratta di dipendenti. Nei casi di terzi che si trovino sui luoghi di lavoro o di soggetti contagiati nei luoghi di ristorazione o soggiorno (ristoranti, bar, alberghi), il titolare dell’attività ne risponde a titolo di responsabilità civile. Sempre a carico dei datori di lavoro ricorre l’obbligo di far vaccinare i dipendenti che siano a contatto con il pubblico nei casi di cui al capoverso precedente.

Vaccini: il caso di Belluno e la decisione del tribunale

Il tribunale di Belluno, con ordinanza del 19.3.2021, è intervenuto, in via di urgenza, con un pronunciamento che nega la tutela ripristinatoria del rapporto lavorativo a due infermieri ed otto operatori socio-sanitari che avevano rifiutato di sottoporsi alla vaccinazione Pfizer lo scorso febbraio e che, per questo, erano stati sottoposti alla visita del medico competente, sospesi dal lavoro e messi in ferie “forzate” dalla direzione delle Residenze sanitarie per anziani presso cui lavoravano.

C’è chi ha parlato in proposito di “tolleranza zero” verso gli operatori sanitari che rifiutano il vaccino anti-Covid, ma il giudice di Belluno si è limitato ad applicare i princìpi di tutela della salute nei luoghi di lavoro per come emergono dall’ordinamento, e senza dare sfogo ad alcun draconiano rigore.

Il giudice si è limitato ad applicare i princìpi di tutela della salute nei luoghi di lavoro

Il giudice ha ritenuto che la pretesa dei lavoratori fosse manifestamente infondata, e quindi priva del fumus boni iuris, non potendo essi ritornare al lavoro senza vaccinarsi presso una Residenza sanitaria per anziani o Rsa: luoghi divenuti drammaticamente famosi nelle cronache di questi mesi, «vere e proprie anticamere della morte» per l’elevato numero di contagi e di decessi che si sono succeduti, anche riguardo a persone prive di qualsiasi altro contatto con il mondo esterno, e pertanto deprivate anche di quella affettività relazionale che determina il peggioramento della qualità della vita, di fatto accorciandola.

Sul piano processuale il giudice ha effettuato questo accertamento attraverso la delibazione sommaria tipica richiesta in sede cautelare. La stringatezza della motivazione dell’ordinanza è coerente con la natura del procedimento azionato e, come tale, formalmente ineccepibile. Essa è comunque sufficiente a dare conto, alle parti del procedimento, del percorso logico-giuridico seguito ai fini della decisione.

Nel merito, il provvedimento ha basato la decisione di rigetto della domanda sulla scorta di due convergenti valutazioni giuridiche che, allo stato, confortavano la presumibile legittimità del potere sospensivo esercitato dal datore di lavoro. Sospensione fondata, tra l’altro, sul giudizio di inidoneità formulato dal medico competente, il quale aveva dichiarato i sanitari inidonei al servizio (rispetto all’ambiente di lavoro), consentendo ai vertici delle Rsa di allontanarli dal luogo di lavoro per «impossibilità di svolgere la mansione lavorativa prevista».

Sul piano civilistico è d’obbligo il richiamo all’art. 2087 del Codice civile, in forza del quale l’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa tutte le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessari a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro. Ciò deve avvenire anche contro la volontà degli stessi lavoratori protetti ed anche quando la tutela della salute nell’ambiente di lavoro comprende la soggezione ad un determinato trattamento sanitario previsto dalla legge. Senza tali condizioni, si rientrerebbe nella situazione di conclamata illegittimità costituzionale, sanzionata dalla sentenza della Corte Cost. n. 218/1994, con le conseguenti sanzioni di carattere patrimoniale a carico del datore di lavoro.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento