Osservatorio Giochi: il distanziometro e la “marginalizzazione” del gioco pubblico voluta dalle Regioni

Osservatorio Giochi

Dall’analisi della giurisprudenza amministrativa svolta dall’Osservatorio Giochi, nel bimestre marzo-aprile 2023, emerge la conferma di un dato: lo strumento normativo che fissa una distanza minima dell’offerta di gioco da “luoghi sensibili” (in gergo “distanziometro”) è considerata una misura adeguata al fine di prevenire le dipendenze patologiche. A fronte delle argomentazioni scientifiche che evidenziano che i giocatori “patologici” affetti dal disturbo da gioco d’azzardo non vengono scoraggiati dall’allontanamento dei punti fisici ove si offre il gioco, essendo disposti a raggiungerli anche a costo di percorrere chilometri e, quindi, anche a spostarsi nelle periferie delle città, la giurisprudenza esaminata osserva che per tutelare i “patologici”, anche da politiche commerciali potenzialmente aggressive, occorrerà intervenire adeguatamente, in un momento successivo, ma intanto il “distanziometro” ha un senso in quanto aiuta a prevenire il passaggio del giocatore “sociale” nell’area della patologia.

Più che “espulso”, il gioco viene “marginalizzato” per contrastarne gli effetti negativi

In sostanza, seguendo questa impostazione, sottraendo alla vista l’offerta di gioco, il giocatore “normale” (qualificato “sociale” o “razionale”, comunque non patologico), più che astenersi dall’esagerare, smetterebbe proprio di giocare, non reperendo nelle vicinanze esercizi che offrono gioco legale. Sulla base di questo presupposto, entrando nel merito degli effetti che il “distanziometro” regionale o provinciale ha o può avere sui territori, si giunge ad affermare ‒ come già evidenziato nell’articolo pubblicato a febbraio scorso ‒ che la possibilità degli esercizi che offrono gioco di trasferirsi in parti del territorio minime e marginali, non produce l’effetto espulsivo lamentato dagli operatori di gioco. Infatti, si osserva, più che “espulso”, il gioco viene “marginalizzato” per contrastarne i conclamati effetti negativi. Così argomentando, secondo i giudici amministrativi, i profili più strettamente commerciali (e la stessa sostenibilità dell’impresa) non possono essere soppesati in quanto ogni valutazione circa la convenienza economica dell’attività esercitata viene ritenuta afferente alla sola sfera del rischio imprenditoriale degli operatori del settore. Queste conclusioni giudiziarie si inseriscono in un quadro di contesto che si presenta, comunque, in evoluzione e che prende atto anche delle divisioni interne al mondo scientifico relativamente al dibattito sulle dipendenze.

Giochi, una sintesi equilibrata tra salute e ordine pubblico

Passando dal diritto vivente alla dimensione politica, si può osservare che le politiche regionali in materia di gioco pubblico si pongono all’attenzione del Governo, chiamato ad attuare i princìpi contenuti nella Legge di Delega per la riforma fiscale, nella ricerca di una sintesi equilibrata tra gli interessi pubblici in campo (salute e ordine pubblico). Gli interessi preminenti andranno, poi, bilanciati con l’iniziativa economica privata, che ragionevolmente non può essere azzerata non foss’altro in ragione delle entrate erariali garantite. Quindi, preso atto che la scelta della politica regionale, che sta alla base del “distanziometro”, ha una ratio che rimane salda davanti alle eccezioni di incostituzionalità fino ad oggi sollevate, e alla guerra giudiziaria in atto da anni, sembra arrivato il momento che il Governo centrale faccia la sua parte. La Legge di Delega ha ricordato che la ratio della riserva in favore dello Stato delle attività di gioco trova fondamento, prima ancora che nelle esigenze dell’Erario, nei rilevanti interessi coinvolti nel gioco, quali le esigenze di contrasto del crimine e, più in generale, le esigenze di tutela dell’ordine pubblico, della fede pubblica dei giocatori e di controllo di un fenomeno suscettibile di coinvolgere flussi cospicui di denaro, a volte di provenienza illecita; non a caso le norme sul gioco sono inserite nel Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

L’industria del gioco legale patisce una cattiva informazione

Se, da una parte, il legislatore nazionale dimostra di aver chiara la cornice dei valori che devono orientare il riordino del settore, valorizzando la tutela dell’ordine pubblico, dall’altra si avverte che le imprese di questo comparto economico vengono talora considerate “di default” contigue al malaffare, quale riflesso di una diffusa cattiva “reputazione” che ammanta l’area del gioco d’azzardo in generale. Si può, quindi, constatare che l’industria del gioco legale che opera in regime di concessione pubblica ed è sottoposta a rigide regolamentazioni e stringenti controlli, è un settore che patisce cattiva informazione. Eppure, lo Stato lo ha normato proprio per combattere il gioco clandestino, da sempre riserva della criminalità organizzata.

*Direttori dell’Osservatorio Permanente su Giochi, legalità e patologie dell’Eurispes.

Leggi anche

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang